Letteratura

Prima la poesia in lingua spagnola, poi i sonetti, infine la sperimentazione del "Metasimbolo" per arrivare alla narrativa e consolidare in essa la gioia di far musica con le parole. Non per predicare, ma per spogliare la parola dal mito ed infine capire che non bisogna mai prendersi sul serio.

Autodidatta in - quasi - tutto. Forse per questo ci arriva lentamente. Il viaggio nella letteratura inizia durante gli anni vissuti a Città del Messico fino ad esplodere nella sperimentazione poetica del "Metasimbolo", che nel 1992 si riassume in "Da Comunque Uomo". Nel 1996, grazie al racconto "Puerecha", finalista al premio di Gubbio Per la Letteratura di Viaggio, la narrativa prende il sopravvento e, complice una movimentata vita sia professionale che intima, esce nel 2002 il primo romanzo "Ovvero, le Porte del Mare", finalista all'Europremio Città di Corato ed al Marengo d'Oro. Nel 2004 finalmente la musica prende le redini delle parole ed esce "Io Parlo Jazz", che fonde Jazz e Sogni, ed è terzo al Pinayrano 2005. Nel 2007 l'ironico "Il Faro di Bighlise", dove i protagonisti trovano la loro redenzione negli oscuri ragionamenti di un vecchio guardiano, è terzo (ex-aequo) al premio Alfonso Di Benedetto. Nel 2008 esce "La stella e la sua luce", divertentissima parodia di spy story che si svolge in un centro di produzione di reality show, che vince il premio speciale della critica Alfonso di Benedetto nel 2009, è segnalato al Livio Paoli 2009, medaglia al merito al Città Cava dei Tirreni, XXVIIa edizione, 2010 e menzione di merito al premio Insieme nel Mondo 2010. Nel 2011 esce, edito da Città del Sole, Il misterioso caso di Via Delia da Gilal-Gulta, uno spassoso noir, che tanto noir non è... e nel 2012 che vince il terzo premio all'Alfonso di Benedetto, è finalista al Giovane Holden, premio targa al Città di Cava dei Tirreni e vince il premio speciale romanzo giallo al Città di Pontremoli 2015.   Con la pubblicazione, Incauta magia del mentre, un libro di fotografie e di poesia, edito da Kairòs, di cui alcune poesie sono state tradotte in francese, vincendo il Premio del Pubblico alla mostra concorso "Ecritoire et Encrier".

Nel 2012 pubblica Incauta magia del mentre, un libro di fotografie e di poesia, edito da Kairòs, di cui alcune poesie sono state tradotte in francese, vincendo il Premio del Pubblico alla mostra concorso "Ecritoire et Encrier". Questo libro è anche finalista al Premio Giovane Holden 2012 e all'Albero Andronico 2014. 

Nel 2013 esce il romanzo Captaloona che ha vinto il prestigiosissimo premio Guerrino Bardeggia al Pegasus Cattolica 2014, e il premio speciale Il Porticciolo al Montefiore 2014.

Nel 2015 esce la silloge di poesia Grido, che si classifica quinta al Thesaurus.

Nel novembre 2015 esce Piricotinali col ruspetto (e altre storie dementi), una raccolta di racconti, buona parte di essi premiati come inediti.

Aprile 2016, esce Fermata del bus, un romanzo breve, menzionato al Montefiore quando era ancora inedito e non era stato rieducato per la stampa.

Il racconto L'Appuntamento, che ha vinto il terzo premio al Grottammare 2014. è stato recensito da Nazario Pardini, e si può leggere su:

http://nazariopardini.blogspot.it/2014/04/claudio-fiorentini-lappuntamento.html 

Il racconto "Dissoluzione" ha vinto il primo premio al "Vedere Oltre" 2014, ed è stato pubblicato da Nazario Pardini

http://nazariopardini.blogspot.it/2014/09/claudio-fiorentini-dissoluzione-premio.html

Il racconto Piricotinali col ruspetto è stato selezionato al concorso letterario di Laura Capone Editore per l'antologia di inediti